Seleziona una pagina

Professione Home Stager: un aiuto per vendere velocemente la tua casa

Professione Home Stager: chi è?

E’ una figura che si pone tra l’architetto e un agente immobiliare. Per poter intraprendere questa professione occorre possedere sicuramente un innato gusto estetico, oltre che una capacità di vendita ed una certa competenza nel settore immobiliare con spiccato senso per la commercializzazione degli immobili ed alla loro reale possibilità di essere venduti o locati. L’ Home Stager deve saper valorizzare le proprietà immobiliari in modo da migliorarne l’immagine e di conseguenza favorirne la vendita o la locazione nel tempo più breve possibile e al miglior prezzo.
Il settore immobiliare ha attraversato un periodo di profonda crisi che ha rallentato se non addirittura ridotto in maniera massiva le vendite immobiliari. Ancora oggi è in una fase di rallentamento. Per poter vendere o locare una proprietà nel più breve tempo e al miglior prezzo, l’home stager deve avere una conoscenza adeguata di tecniche del marketing nel settore immobiliare, in modo tale da rivoluzionare le modalità di commercializzazione, di vendita e locazione degli immobili.

Professione Home Stager: che cosa fa?

Devi sapere che una casa, se non è riammodernata resta sul mercato per molto tempo. E più aumentano i giorni in cui rimane invenduta, di conseguenza aumenteranno anche i costi della stessa oltre a scendere anche il suo valore di mercato. Mentre se un immobile viene rinnovato il tempo di vendita diminuirà notevolmente. Quindi, appare evidente come sia preferibile apportarvi quelle piccole modifiche necessarie per rendere l’appartamento più attraente ai futuri acquirenti. I vantaggi dalla vendita dell’immobile non li traggono solo i proprietari di casa, ma anche l’agente immobiliare, il cui scopo è quello di vendere nel più breve tempo al miglior prezzo. Quindi l’intervento dell’home stager è fondamentale.
L’home stager si preoccupa, dunque, di rendere più affascinante una casa in vendita, non necessariamente apportando delle modifiche strutturali molto costose, ma piccoli interventi che ne aumentano il valore.
I piccoli interventi consistono nel valorizzare gli aspetti positivi dell’immobile per far cadere l’attenzione dell’acquirente sui pregi dell’immobile e non sui difetti.
Infatti il primo impatto con l’immobile è quello che conta: diversi studi hanno dimostrato che la decisione di acquistare o meno una casa viene presa nei primi 90 secondi, che 9 volte su 10 un acquirente decide di comprare in seguito ad un vero e proprio colpo di fulmine.
Quindi, per la buona riuscita di una vendita immobiliare non occorre considerare solo i fattori location, andamento del mercato, condizioni dell’immobile e aspetto dell’immobile, ma anche il fattore emozionale.
L’home stager lavora proprio su quest’ultimo fattore: far fare alla casa una buona impressione agli occhi dell’acquirente.

Comments

comments